Come migliorare rapidamente il proprio ranking Google con la on-page optimisation

publigital-on-page-optimization-seo-min.jpg

Che cos'è la on-page optimisation?

La on-page optimisation è uno strumento fondamentale per quel che riguarda l’indicizzazione organica di un sito web. Si tratta dell'ottimizzazione degli elementi descrittivi di una pagina che indicano ai motori di ricerca di cosa parla la vostra pagina web.

Ogni pagina del vostro sito web è da considerare come uno strumento di marketing e comunicazione, che può e deve essere utilizzato per posizionarvi più in alto nei risultati dei motori di ricerca.

Per ottimizzare ognuna di queste pagine il più delle volte è sufficiente applicare un semplice set di linee guida su cui abbiamo il pieno controllo, per assicurare che ogni pagina lavori in modo corretto per darvi maggiore visibilità.

Nonostante sia un processo piuttosto semplice, alcuni dei punti di cui parleremo spesso vengono dimenticati o sottovalutati, anche a causa dei molti fattori che hanno un’influenza sul nostro ranking SEO e che vengono percepiti come più importanti, come ad esempio il link building.

Ciononostante, sappiamo per esperienza che è possibile ottenere miglioramenti apprezzabili nel posizionamento sui motori di ricerca cominciando ad ottimizzare al meglio i contenuti on-page.

Naturalmente se parliamo di parole chiave o, meglio, frasi chiave altamente competitive, questo rappresenta solamente il punto di partenza, e fattori esterni come ad esempio i link che rimandano al vostro sito hanno ancora un’influenza enorme sul posizionamento nei motori di ricerca.

Perché è importante?

Le pagine e i contenuti del nostro sito web sono l’elemento determinante della Search Engine Optimisation. Alcuni vi diranno che i link da altri siti sono tutto per la SEO, ma se non abbiamo buoni contenuti alla base, i link diventano difficili da ottenere.

Inoltre, se i link portano a un sito con contenuti di dubbia qualità, è probabile che i visitatori abbandonino la visita dopo aver visto una sola pagina, aumentando così il tasso di Bounce Rate, e mandando così un segnale negativo ai motori di ricerca.

I motori di ricerca usano le informazioni contenute in ogni pagina del vostro sito web per determinare i temi e per identificare le parole chiave per cui il nostro sito potrebbe essere rilevante. L’ottimizzazione on-page assicura che tutti questi importanti segnali siano messi in pratica correttamente per aiutare i motori di ricerca.

In sostanza, la corretta messa in pratica di questi elementi può fare la differenza tra la posizione 1 e la posizione 5 nei risultati di ricerca. Inoltre, lavorare sulla on-page optimisation aiuterà e migliorerà la struttura del nostro sito e la sua leggibilità per i visitatori.

Checklist dei fattori principali

Ecco un breve riassunto degli elementi di cui abbiamo parlato. Quando parliamo di “elementi SEO”, intendiamo quegli indicatori che i motori di ricerca utilizzano come fattore per il posizionamento, per decidere quali pagine mostrare per una specifica frase o parola chiave inserita nel campo di ricerca.

Di seguito una breve checklist da utilizzare per valutare lo stato della on-page optimisation delle pagine del nostro sito:

  • URL

  • Titolo della pagina

  • Heading tags (H1, H2,...)

  • Inclusione di parole chiave nei testi delle pagine

  • Prossimità delle parole chiave

  • Titoli delle immagini e alt tags

  • Breadcrumbs

Com'è cambiata la on-page optimisation? 

Tempo fa, l’on-page optimisation consisteva essenzialmente nel riempire le pagine dei siti web di parole chiave e link. Questa pratica, chiamata “keyword stuffing” ha generato milioni di pagine web prive di senso per i visitatori.

Era possibile vedere lunghe liste di parole chiave nei footer delle pagine o nei menu di navigazione. Alcuni siti rendevano invisibili i link e le parole chiave, per esempio utilizzando per il testo lo stesso colore dello sfondo della pagina. Queste parole chiave erano invisibili per i visitatori del sito, ma venivano naturalmente “lette” dai motori di ricerca.

Attuare oggi questo procedimento sarebbe una pessima idea, perché tutti i motori di ricerca trattano queste pratiche come spam e di conseguenza penalizzano i siti web che le attuano.

Inevitabilmente, i motori di ricerca hanno cominciato a realizzare che dare importanza alla quantità delle parole chiave contenute in un sito web per stabilire il posizionamento stava causando l’indesiderato effetto di creare siti di bassa qualità.

Così, per migliorare la qualità delle pagine web indicizzate, Google ha reso il suo algoritmo più evoluto.

Eliminate le meta keywords, hanno cominciare a diventare più importanti altri fattori on-page, insieme alle metriche che dimostrano l’engagement (ad esempio, se una pagina non viene cliccata, il suo valore per i motori di ricerca scende).

Al momento il titolo della pagina è il fattore più importante della on-page optimisation, in combinazione con la nostra URL e il tag H1.

Se pensate che il vostro sito non sia ben indicizzato, o se desiderate sapere cosa è possibile fare per migliorare il vostro posizionamento organico, non esitate a contattarci.